sabato 23 luglio 2016

Afragola d'arte. Santuario del Sacro Cuore- Altare maggiore.

Altare maggiore del Santuario.

Articoli correlati: Prospetto (link), Cappelle (link), Nel passato (link).

Concludiamo la trattazione del santuario del Sacro Cuore parlando dell’altare maggiore del tempio. Esso è posto al centro del presbiterio, il quale è separato dalla navata da un arco trionfale su l cui apice è poggiato lo stemma della congregazione. Il recente altare a mensa postconciliare precede l’ara maggiore, realizzato nel febbraio 1928 dalla ditta Laudiero e D’Ambra e separato dal piano del presbiterio da un podio con gradini. E’ in marmi policromi, e nel paliotto è raffigurata l’Ultima Cena, bassorilievo che riprende il tema secondo l’iconografia di Leonardo da Vinci.
Le varie formelle marmoree ritraggono varie scene sacre, come la Cena di Emmaus, o volti di santi. La formella in bronzo dorato del ciborio ritrae il Signore e il Sacro Cuore, ed è sormontato dalla scritta SIC DILEXIT DEUS. Al di sopra dell’altare troviamo l’edicola che ospita la statua del Sacro Cuore, opera della ditta Bertoli e progettata dall’architetto Giametta. Un’epigrafe latina ricorda la data del 1965 e il restauro dell’intera struttura, grazie alla “collatione” del clero e del popolo di Afragola, presente monsignor Tondini.
Nella sagrestia troviamo, infine, due dipinti di Nicola Ascione del 1917 (Discesa dello Spirito Santo sulla Vergine e gli Apostoli) e del 1919 (Cristo trionfante) che un tempo adornavao i lati del presbiterio, prima di essere qui trasportati.

Prossima tappa della rubrica “Afragola d’arte”: San Giorgio martire.

Arco trionfale e stemma dei Sacri Cuori.

Nessun commento:

Posta un commento